ChangeCopyright Campaign at Cagliari!!!

Finally, it starts!

The ChangeCopyright Campaign starts from Cagliari.

The Campaign aims at bringing citizens into the discussion on the Copyright Reform and informing them on what it would change if approved.
Nowadays, we need people to be aware of potentially conservative policy initiatives, tailor-made to boost the gap between big corporations and small actors in the use of communication channels entering the market.

The event in Cagliari has been carefully planned by the organizing team and faced several setbacks because of the summer heat in Sardinia, that reached its record this year.
The primary objective of the event has been proactively engaging makers, artists, editors, and writers.
For this reason, we chose a particular location: a library (Ubik Library) in the center of the city.

Roberto Melis, the talented photographer representing the emerging Sardinian artists, has participated in the event with an exhibit of its work realized in the island, with local models.
The event has been mediated by several speakers, besides me: Federica Fulghesu – Campaign Coordinator for the Mozilla Foundation-, Maura Fancello of the ProPositiv0 Association, Sardegna Creativa Association, Pier Luigi Lai and a FilmMakers Colletive, Lifestills.

In the audience, we had artists, curious citizens, professionals and prominent representants of the Industrial Engineers category of Cagliari.
In spite of the several inconveniences, the event has attracted the attention of about 40 people, genuinely interested in the thematics proposed.
After a short introduction of the Campaign and the reasons why the Mozilla’s Foundation has decided to lead the efforts in this endeavor, I spoke about my mission in Brussels in the previous weeks at the European Parliament (Slide-Story).

After this short and engaging story, we opened a debate in the form of a round-table between speakers and audience. The main topics have been the impact the reform will have on the categories involved, the future perspective in their everyday professional lives and the side-effects of this highly inadequate Directive.
We also faced important and current issues such as Fake News and the economic and social impact of the Copyright regulations.

The event has been recorded, and it’s possible seeing (here) the Facebook live recording
or in the official Facebook page of the Campaign (Link).

Personally, in spite of the tight timing to put together and organize the event and the setbacks due to the high temperatures, I’m delighted that, for the first time, an International Campaign has been presented in Cagliari.
Even if the space was relatively small, we’ve been able to involve the right amount of people to open an inclusive and vibrant debate.

Considered the interest on the subjects and on the Open Source thematics in general, we’re planning other events and meetings in Cagliari starting from September.

Cheers,

Edoardo.

Annunci

CLSxItaly: Third Edition

Good morning folks,

This last weekend, on Saturday 6th May at the Talent Garden Milano Calabiana, I had the opportunity to have a speech at the Community Leadership Summit “X” Italy (CLSxItaly) at Milan. For who don’t know yet this summit, this offer the opportunity to meet and know passionate, curious, organizer and leader of some realty who make activity and/or project through communities not only no-profit related, and, wants to share their experiences. Personally and by me, this type of events, permits an awesome debate between the different interpretation of the “community” concept, and, how it is apply in the disparate context, moreover, permits to meet and connect the different realty and their communities in a free and inclusive way.

Concerning my talk (Talk Link), I put there a little focus about the goals of our national Mozilla community (Mozilla Italia), and, talk deepened about the Open Leadership Training Program, promoted by Mozilla Foundation. It have the goal to shape the Leader of tomorrow, giving the basis and some helpful instruments to lead open source projects and communities connected.

The people attended and involved in the event was more then fifteen the people. The Agenda was divided in two principal moments (Link Agenda). The morning was dedicated at the talks. In total the talks was six  comprehensive mine. In the evening, was plan an “un-conference” where all the people proposed some topics for debate and discuss. During the break and the final aperitif, it was possible, moreover, to share some point of view and opinions in all the topics touched during the talks and the un-conference.

In the next days will be publish in the official website of the summit all the talks and keynote of the different sessions made by the un-conference. I’m extremely happy of this experience. Know other people who have similar passion of mine, who persecute their goals with a community, and, available to share their experience with the other in a spontaneous, inclusive, free and open way it was really really fantastic for me.

The last but not the least element of my Milanese weekend is my meeting with some of Mozilla Italia volunteer who lives and work in the North side of the Italy.  Have this great moment to meet in person, share our opinions, point of view and ideas about  our community was awesome and it make this last weekend more special for me.

I want to say Thanks at Mozilla to given me this opportunity, all staff of CLSxItaly to involve me in this summit and all the Mozilla Italia and Mozilla volunteers that spent with me a great half day.

Thanks at all!!!

 

 

CLSxItaly: Terza edizione

Buongiorno popolo di Internet,

Questo fine settimana, nella giornata di Sabato 6 Maggio al Talent Garden Milano Calabiana, ho avuto l’opportunità di presentare un talk al Community Leadership Summit “X” Italy (CLSxItaly) a Milano. Per chi non conoscesse questa manifestazione, essa offre l’opportunità di poter incontrare e conoscere appasionati, curiosi, organizzatori e leader di alcune realtà, attive non solo nel no-profit, che realizzano attività e/o progetti attraverso le community e vogliono condividere le loro esperienze. Personalmente, secondo me questa tipologia di eventi, permette un interessantissimo confronto tra le varie interpretazioni del concetto di community e di come esso venga applicato nei più disparati contesti, inoltre, permette la connessione e l’incontro delle realtà coinvolte e delle loro community in manierà libera ed inclusiva.

Per quanto riguarda il mio talk (Link Talk), ho voluto fare un piccolo focus sugli obiettivi della nostra comunità Italiana di Mozilla (Mozilla Italia) e  parlare in modo più approfondito del programma Open Leadership Training promosso dalla Mozilla Foundation, che ha l’obiettivo di formare i Leader di domani, offrendo le basi e alcuni strumenti utili alla gestione di progetti nel open source e le community ad essi associate.

 

Sono state più o meno una cinquantina le persone presenti e che sono intervenute durante la manifestazione. Il programma si è suddiviso in due momenti principali (Link Agenda). La mattina è stata dedicata ai talk. In totale compreso il mio, i talk presentati sono stati sei. La sera, invece, è stata organizzata una unconference dove chiunque ha proposto degli argomenti di dibattito e di confronto. Durante le pause e l’aperitivo finale è stato possibile, inoltre, scambiarsi punti di vista e opinioni sugli argomenti esposti durante i talk e la unconference.

Nei prossimi giorni verranno pubblicati sul sito ufficiale del summit le registrazione dei talk e le note delle varie sessioni presentate durante la unconference. Sono estremamente contento di questa esperienza. Conoscere altre persone che hanno passioni simili alle mie, che portano avanti degli obiettivi attraverso delle community e sono pronte a condividere le loro esperienze con gli altri in maniera spontanea, inclusiva, libera e aperta è per me veramente fantastico.

Ultimo elemento ma non ultimo, che ha caratterizzato questo weekend Milanese è stato l’incontro con alcuni volontari di Mozilla Italia che risiedono nel Nord Italia. Poterci incontrare di persona, scambiarci nostre opinioni, punti di vista e idee per la nostra community ha coronato e ha reso ancora più speciale questo weekend. 

Voglio ringraziare Mozilla per avermi dato questa opportunità, tutto lo staff del CLSxItaly per avermi coinvolto in questo summit e tutti i volontari di Mozilla Italia e Mozilla che hanno voluto spendere con me una mezza giornata.

Grazie a tutti!!!!

 

Proteggere!

Buona sera Popolo di Internet,

Finalmente il Sole inizia ad affacciarsi anche qui in Sardegna. Dopo una bella mattinata passata con i miei cari tra i Monumenti di Cagliari, ora, mi ritrovo qui da solo a scrivere qualche riflessione. E’ dal 23 Aprile che non scrivo nulla sul mio Blog, il motivo?, il solito. La Vita è troppo dinamica e Mutevole  e ahimè, per come fino ad oggi ho intrapreso il cammino terreno in questa Dimensione, poter esprimere proprie riflessioni con costanza risulta veramente difficile. Oggi ho riflettuto molto su come, a volte, le azioni volte a proteggere le persone possano essere, per le stesse, un momento di Sofferenza molto forte. Da qui dunque si potrebbe riflettere realmente su cosa sarebbe stato più sofferente, ossia, ciò da cui si proteggere oppure l’azione di protezione. Proprio nei giorni scorsi, mi sono ritrovato in questa situazione. È stato veramente difficile poter ragionare lucidamente su tutto questo. Quando ci sono di mezzo emozioni e soprattutto persone è impossibile attuare la scelta giusta, o perlomeno, la scelta che non lascia tracce su nessuno. Per esperienza personale, ho trovato sempre più difficile, in Amore, essere il Colui che non condivide, parzialmente o del tutto,  i sentimenti di quella persona che, con tutta se stessa, vuole concedere il proprio Io per la costruzione di un Noi. Ho sempre trovato, quando è capitato, difficile non attuare la scelta di Protezione per l’altra persona. Perché Illudere una persona su delle prospettive in cui istintivamente non si crede? Perché voler far fare un salto nel vuoto ad una persona, che di conseguenza, si lascia cadere sapendo di avere affianco colui che sarà sempre li, sincero e naturale, nel bene o nel male, ad assisterla nel vuoto?  Non  riesco a fingere sentimenti che non provo, in parte o del tutto, soprattutto a chi, devo per comune rispetto, la sincerità al 100%.  Cosa rimane però da tutto questo? La sincera e comune sofferenza, ma soprattutto, quell’Odio che mal grado non sia apparentemente giustificato è Naturale. Pertanto, mal grado la sofferenza c’è e ci sarà qualunque decisioni si prenda, esser sicuri che, seppur forte, possa passare nel modo più veloce possibile è, secondo me, la scelta più coerente. Meglio Agire per Proteggere, piuttosto che vivere nella propria incertezza di un Mondo che è già in certo così per come si manifesta.

Buon Ascolto!!!

Edoardo.

Meraviglioso!!!

Buona sera popolo di Internet,
Oggi mi sento medio. Avete presente quella sensazione in cui tutti i pensieri sono allo stesso tempo belli e brutti? ecco, oggi è una di quelle giornate. Sono contento per una serie di cose ma altrettanto triste per delle altre. Son contento di essere qui a scrivere quattro frasi a voi, pochi o molti che siate, son contento di avere sempre affianco amici, familiari e conoscenti che
sanno apprezzarmi per come sono e non posso che esser contento di avere una vita professionale che, mal grado le tante difficolta, pian piano avanza, però, nel contempo, mi ritrovo triste.
Mi ritrovo triste, perchè vorrei condividere le mie speranze, gioie, dispiaceri o qualunque altra emozione con qualcuno nel profondo e sopratutto vorrei, ascoltare le speranze, gioie o dispiaceri intimi di qualcun’altro. Vorrei poter ricordare senza sofferenza le persone o gli esseri che hanno dovuto lasciare questa vita e vorrei poter ricordare, senza provare una sofferenza intima, persone che, pur esistendo nel mondo dei vivi, non esistono più nel mio Mondo. Pertanto, preso da questa Gioiosa tristezza o Triste Gioia, rovistando tra le mie tante cose, ho trovato una copia elettronica di un Manoscritto del 1692 che fu ritrovato a Baltimora.
Questo manoscritto, lo lessi per la prima volta circa 2 anni fa. Era uno dei miei primi giorni lavorativi e guardando tra le pareti di uno degli uffici in cui abiutalmente oggi lavoro, vidi per l’appunto in bella copia incorniciata questo scritto. Incuriosito lo lessi e rimasi veramente colpito da quanto letto. Ritrovai per iscritto ciò che io stesso ho sempre creduto fosse il miglior modo di vivere la vita.
Quando mi ritrovo in giornate come oggi, che tutto sembra bello e brutto, lo rileggo, così da ricordarmi che, dopo tutto, questo Mondo è pur sempre un Mondo Meraviglioso.
Adesso, sperando di avervi quantomeno incuriosito, vi posto il testo integrale del Manoscritto “Desiderata” del 1692.

Buon Ascolto e Buona Lettura!!!

DESIDERATA

Procedi con calma tra il frastuono e la fretta e ricorda quale pace possa esservi nel silenzio. Per quanto puoi, senza cedimenti, mantieniti in buoni rapporti con tutti. Esponi la tua opinione con tranquilla chiarezza e ascolta gli altri: pur se noiosi ed incolti, hanno anch’essi una loro storia. Evita le persone volgari e prepotenti: costituiscono un tormento per lo spirito. Se insisti nel confrontarti con gli altri rischi di diventare borioso ed amaro, perché sempre esisteranno individui migliori e peggiori di te.
Godi dei tuoi successi e anche dei tuoi progetti. Mantieni interesse per la tua professione, per quanto umile: essa costituisce un vero patrimonio nella mutevole fortuna del tempo. Usa prudenza nei tuoi affari, perché il mondo è pieno d’inganno. Ma questo non ti renda cieco a quanto vi è di virtù: molti sono coloro che perseguono alti ideali e dovunque la vita è colma di eroismo.
Sii te stesso. Soprattutto non fingere negli affetti. Non ostentare cinismo verso l’amore, perché, pur di fronte a qualsiasi delusione e aridità, esso resta perenne come il sempreverde.
Accetta docile la saggezza dell’età, lasciando con serenità le cose della giovinezza. Coltiva la forza d’animo, per difenderti nelle calamità improvvise. Ma non tormentarti con delle fantasie: molte paure nascono da stanchezza e solitudine.
Al di là d’una sana disciplina, sii tollerante con te stesso. Tu sei figlio dell’universo non meno degli alberi e delle stelle, ed hai pieno diritto d’esistere. E, convinto o non convinto che tu ne sia, non v’è dubbio che l’universo si stia evolvendo a dovere.
Perciò sta in pace con Dio, qualunque sia il concetto che hai di Lui. E quali che siano i tuoi affanni e aspirazioni, nella chiassosa confusione dell’esistenza, mantieniti in pace col tuo spirito. Nonostante i suoi inganni, travagli e sogni infranti, questo è pur sempre un mondo meraviglioso. Sii prudente. Sforzati d’essere felice.

Edoardo.

Fratello K

Hey Fratello K,
e pensare che quando venisti a me, e a noi, eri diffidente come pochi. Mi ricordo che preferivi costruire il tuo Mondo in piccoli spazi, dove tu potevi controllare ogni singolo centimetro senza la benché minima difficoltà. Purtroppo la Paura gioca questi brutti scherzi, infondo, chi non avrebbe Paura se, a pochi mesi di vita, vedi cambiare i tuoi spazi e la tua Famiglia. Riuscisti ad ambientarti alla vita che ti si apriva pian piano davanti agl’occhi, a poco a poco, a piccoli passi, riuscisti a capire ciò che rappresentava la vita con Noi. Mi ricorderò sempre, quando tu, piccolino e innocente come tutti a quella età, giocavi con il Buon Vecchio C. Certo che, il Buon Vecchio C aveva un pazienza infinità, si lasciava fare proprio di tutto da te, in fondo tu per lui eri come il Figlio che mai aveva avuto nel corso della sua vita. Da Giovane eri un bel tipino. Non ho mai conosciuto un essere così Arrogante, Orgoglioso e Testardo. E’ da dire però che eri, nel tuo piccolo, Geniale e rispettoso, sapevi quando era il momento di smettere in determinate prese di posizione. Ti piaceva infinitamente fare la lotta e non ti davi mai per vinto. Mi ricorderò sempre la genialità con la quale architettavi le tue piccole vendette. Ti ricordi quella volta che, mal grado la tua abilità nell’aprire le porte, non potendo uscire, ti vendicasti andando a buttare a terra, volta per volta, uno e uno solo dei campioncini da collezione di profumo, per dare quel piccolo fastidio che ci facesse accorgere della tua stanchezza nel sentirti rinchiuso in quello spazio che, mal grado grande, trovavi troppo stretto. Le giornate iniziarono a passare in fretta, e tra una lotta e l’altra,  pian piano,  il Buon Vecchio C si ritrovò troppo stanco per continuare nella corsa della vita. Non fu facile quando, in quella notte di fine Novembre, mal grado i suoi tentativi vani di aggrapparsi a quel poco che gli rimaneva, ci lasciò. Tutti rimanemmo sconvolti da quella perdita, però, mi ricorderò sempre l’appoggio che tu con il tuo non fare facevi. Il tuo comportamento, che fino ad allora fu si, rispettoso e familiare ma distaccato, mutò e ci supportasti al massimo di quanto potessi fare. Quando Arrivo in casa il Fratello D, ci rimasi male. Era passato tropo poco tempo dalla perdita del Buon Vecchio C per poter immaginare l’arrivo di una nuova figura all’interno della Nostra famiglia. Ti arrabbiasti molto e per qualche mese arrivasti pure ad evitarci in tutti i modi, un po’ come a dire, che tutta quella sofferenza appena sofferta per il Buon Vecchio C, era stata violata da quella nostra decisione di permettere ad un nuovo essere di presentarsi, con tutta quella sua voglia di vivere infinita, al cospetto della nostra Famiglia. Il Fratello D ti era molto simile, mal grado i suoi comportamenti grossolani e poco fini, anche lui, come te, era Testardo e a volte Arrogante. Non riusciste mai a legare nel modo sano che tutti noi speravamo, nel corso della vita diventaste due amici nemici. Fratello D era tanto simile a te quanto diverso. Tu Agile e Furbo, lui Forte e Potente ma entrambi con quel modo di vedere le cose senza mezze misure. Mal grado tutto vi volevate bene. Mi ricorderò sempre quella notte d’estate dove, Fratello D, rimase tutta la notte davanti alla Finestra aspettando il tuo rientro. Fratello D aveva un cuore d’oro, mal grado quei suoi modi troppo burberi. Gli anni passarono in fretta e tra una lotta e l’altra diventaste entrambi più saggi e più amici, mal grado le Naturali differenze non lasciassero scampo alla fantasia. Il Fratello D iniziò ad ammalarsi e la sua vita diventò sempre più turbolenta, fino a quando, in un giorno di fine Gennaio, decise di lasciarci, senza neanche la possibilità di poter intervenire e lottare al suo fianco. Fu un momento veramente molto triste per tutti noi. Non riuscimmo a far scivolare via la tristezza della perdita del Fratello D, sopra tutto, per il modo in cui è avvenuta. Anche tu soffristi, in fondo il tuo Odiato e Amato Fratello ti aveva lasciato senza darti neanche la possibilità di un ultimo confronto a viso aperto. Tu come sempre, li, disponibile come per il Buon Vecchio C, a darci il tuo sostegno. Il tempo continuò a passare, inesorabile, assottigliando sempre più, quel sottile filo che la vita rappresenta. Mi hai visto crescere e in quella crescita hai visto passare tante persone intorno a me, e intorno noi, che poi, il tempo, porta via senza un motivo particolare. Conobbi tanti Mister e Miss, ma sopra tutto conobbi Miss M. Vidi la nascita, la crescita e la morte di quell’Amore che io credevo potesse essere infinito con Miss M. Rimasi con me in quei momenti di incertezza e tristezza, mi vidi piangere e soffrire e rimasi con me in quelle notti dove tutto era buio e infelice. Una Mattina dopo circa un anno dalla Morte di quell’amore malinconico, chissà cosa o chissà chi, decise che doveva giungere la tua Ora. Mi ricordo ancora quei momenti di lotta sfrenata tua e nostra al tuo fianco. Pronto Soccorso, Flebo, Antibiotici, Esami del Sangue e ancora Flebo, Cibi e tentativi sfrenati di reidratarti. Però quella notte, non puoi dimenticarla. Te lo chiesi, te lo chiesi in ginocchio di non lasciarmi, ti supplicai di lottare più forte di quanto avessi fatto prima, perché la tua perdita non sarei riuscita a sopportarla, ero troppo debole dentro. In quel periodo lottavo ancora per quell’Amore così tanto inutile quanto importante. La perdita di quel fratello che con il suo non fare faceva, mi avrebbe devastato dentro. Così te lo chiesi e tu lottasti e riuscisti a sopravvivere, certo, debole e stanco come chi ha dovuto lottare contro un’orda di Nemici, ma ci riuscisti. Non ti ringrazierò mai abbastanza per esserci sempre  stato e per aver continuato a lottare fino alla fine. A distanza di un anno purtroppo l’età, mal grado, il suo peso, tu l’abbia sempre riuscito a contenere e a sopportare, si è fatto sentire e come inevitabile conseguenza ti sta pian piano schiacciando.

Adesso che ti vedo li, fermo, in Coma, ti sono a fianco e tutti noi lotteremo con te, sperando che questa lotta, come quella precedente, ti dia la possibilità di poter respirare la vita, assaporando la reale realtà di tutto ciò che ti accade attorno. Quando però quella sottile linea deciderà di spezzarsi nel Mondo dei vivi, nel mio Cuore, nel mio Corpo, nella mia Anima, rimarrà sempre viva e continuerà, insieme a quella del Buon Vecchio C e del Fratello D, ad accompagnarmi nelle Gioie e nelle Tristezze che la Vita vorrà presentarmi, sperando, che quel tuo far niente, continui, oggi come ieri, domani come per sempre, a Fare.
Ti voglio bene Fratello K.

Edoardo.