Che cosa è l’Amore

E’ molto strano l’amore. potrebbe essere l’inizio di un discorso lunghissimo e articolato con tanti se e tanti ma, invece, è solo la reale e onesta verità. Impieghiamo tanto tempo per trovarlo e poco tempo per distruggerlo. Lo so non tutto va in questo modo, è vero, ma molte volte si perde veramente per tante piccole cose che, col tempo, crescono e crescendo creano un Muro talmente tanto duro e alto che serve solo lo sforzo di entrambi per buttarlo giù. Nel 2003/2004 stavo da poco con una ragazza, un giorno stavamo passeggiando per strada, con l’innocenza di gioventù e tanto amore, e un uomo, ammetto che era strano, MOLTO STRANO, ci fermò. E’ difficile dimenticare quella mattina per tante cose, Fatto sta che questo Uomo ci guardò profondamente e con un sguardo che poche volte ho incontrato in vita mia, e aggiungo per FORTUNA, ci prevedette il futuro in pochissime frasi.
Disse tutto in modo veramente strano, non era ubriaco ma parlò quasi come un predicatore. Parlò di me e di lei, come se ci conoscesse per davvero, disse tante cose sul nostro rapporto e su come certe cose ci avrebbero potuto distruggere. Appena smise trovammo entrambi la forza di andarcene e lasciarci tutto alle spalle.
Oggi rifletto su ciò che successe in seguito e di quanto poi quel vecchio Uomo avesse ragione.
Negl’anni avvenire smettemmo di parlare e con quelle tante piccole cose, che l’uomo ci predisse, abbiamo costruito un Muro.Ci ritrovammo ambedue spalle dello stesso muro ma in versanti opposti.
Istantaneamente per Paura e per spirito di sopravvivenza abbiamo scelto di scappare, ognuno per la sua strada senza guardarsi indietro.
Poi la scelta, Lottare o Abbandonare. Io, ovvio, come sempre Lottare andare avanti, Lei Abbandonare.
Mi arrabbiai tanto, veramente tanto. Ci stetti male nel profondo, mi resi conto, nello scappare, che non volevo fuggire da quel muro. Lei era la mia felicità, il mio ossigeno, il mio Amore. Anche oggi al pensiero di tutto non posso non starci male.
Col tempo e con quel briciolo di esperienza in più mi accorsi però che subito dopo Lei, in realtà, non corse via come me, non scappò senza guardarsi indietro, ma rimase li. Rimase li, da sola, con le spalle al nostro muro a soffrire a porsi tante domande e darsi delle risposte. L’avevo abbandonata, lasciata sola li in quel nostro muro, ricco di ricordi e delusioni.
Io non me ne accorsi, ero intento a scappare per riflettere, per pensare, per capire e non guardandomi indietro non potevo scorgere lei li in quel nostro muro.

Mi sarebbe piaciuto poter, come in un Film, dire che tutto andò bene, che il Nostro Amore riprese vita, che guardandoci uno di fronte all’altro avessimo scelto di andare avanti ma purtroppo non posso. Adesso, rimane solo l’amarezza e la consapevolezza che mai più costruirò un Muro e che se anche dovesse succedere non lascerò mai più il mio amore li da solo, ma, da subito sarò li presente e come il primo giorno la guarderò in viso e con innocenza di gioventù le dirò soltanto una cosa. “Ti amo”.

Buon Ascolto!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...